SALDATURA TIG, MIG e LASER

fornisce giunti di elevata qualità

SALDATURA TIG

La Saldatura TIG (Tungsten Inert Gas) o GTAW (Gas Tungsten Arc Welding), secondo la terminologia AWS, è un procedimento di saldatura ad arco con elettrodo infusibile (di tungsteno), sotto protezione di gas inerte, che può essere eseguito con o senza metallo di apporto. La saldatura TIG è uno dei metodi più diffusi, fornisce giunti di elevata qualità, ma richiede operatori altamente specializzati. Il procedimento si basa su una torcia in cui è inserito l’elettrodo in tungsteno, attorno a cui fluisce il gas di protezione che, attraverso un bocchello di materiale ceramico, è portato sul bagno di fusione. L’operatore muove la torcia lungo il giunto per spostare il bagno di fusione, mentre, nel caso in cui sia richiesto materiale d’apporto, contemporaneamente sposta la bacchetta del materiale in modo tale da tenerla costantemente con l’estremità entro l’arco e comunque sotto la protezione del gas.

SALDATURA MIG

La saldatura MIG (Metal-arc Inert Gas) o MAG (Metal-arc Active Gas) (l’unica differenza fra le due è il gas che viene usato per la protezione del bagno di saldatura), indicate entrambe nella terminologia AWS come GMAW (Gas Metal Arc Welding – Saldatura ad arco con metallo sotto protezione di gas), è un procedimento di saldatura sviluppato dopo la Seconda Guerra Mondiale che ha assunto un peso sempre crescente, in termini di prodotto saldato per anno.

SALDATURA LASER

La saldatura laser è un processo di saldatura per fusione in cui i metalli o i materiali termoplastici vengono uniti mediante un raggio laser focalizzato. È il processo di saldatura più avanzato e trova applicazione in diversi settori, dalle apparecchiature aerospaziali e mediche alla produzione di alta gioielleria.

  • Un raggio laser estremamente concentrato viene focalizzato su una piccola area, riducendo così la zona termicamente alterata (ZTA). Pertanto, l’operazione di saldatura laser richiede un apporto a bassa temperatura rispetto alla saldatura tradizionale.
  • Poiché il processo prevede un basso apporto di calore, la sollecitazione termica è inferiore. Il raggio focalizzato liquefà solo una piccola area del metallo, riducendo quindi al minimo la sollecitazione interna e la distorsione del pezzo indotte dal calore.
  • Il raggio laser può essere controllato e focalizzato su una piccola area. Ciò consente di eseguire una saldatura dei componenti ad alta precisione. Grazie alle dimensioni personalizzabili del punto da lavorare, la saldatura laser è ideale per metalli delicati o sottili.

Gallery

Menu